Chi siamo | Contatti | Link utili | Multimedia | Informazioni 
 Home >> Giustizia
Sanatoria per le multe prese prima del 2005
Ultimo aggiornamento 1° agosto 2009
È prevista la misura della mini-sanatoria, il cosiddetto "condono",  in uno degli emendamenti approvati dalla Commissione Bilancio e Finanze della Camera nel pacchetto di modifica al decreto anticrisi in discussione in questi giorni, per le sanzioni al Codice della Strada i cui verbali siano stati contestati entro il 31 dicembre 2004.
Ferie più tranquille per i trasgressori di norme del Codice della Strada a cui sono stati contestati i relativi verbali entro e non oltre il 31 dicembre 2004. Infatti l’emendamento approvato dalla Camera, nell’ambito del cosiddetto decreto “anticrisi”, stabilisce che per “incrementare l’efficienza del sistema della riscossione dei Comuni e contenere i costi complessivi, nonché favorire la riduzione del contenzioso pendente in materia, con riferimento agli importi iscritti in ruoli ovvero per i quali è stata emessa l’ingiunzione di pagamento, per sanzioni amministrative derivanti dalle violazioni al codice della strada, i cui verbali sono stati elevati entro il 31 dicembre 2004, i Comuni possono stabilire la possibilità per i debitori di estinguere il debito provvedendo al pagamento di una somma pari al minimo della sanzione pecuniaria prevista per ogni singola norma violata; delle spese di procedimento e di notifica del verbale; di un aggio per l’agente della riscossione pari al 4% del riscosso e delle somme dovute allo stesso agente a titolo di rimborso per le spese sostenute per le procedure esecutive effettuate e per i diritti di notifica della cartella”.

Non tutti i Comuni del Bel Paese hanno reagito positivamente alla notizia. Roma e Napoli si sono dimostrate soddisfatte del provvedimento, mentre Milano e Bologna potrebbero decidere di non avvalersi della norma che lascia comunque la facoltà di non attuare il “condono”. La misura potrebbe comunque sollecitare il recupero di fondi che i Comuni, non riuscendo ad incassare, hanno dovuto togliere dal bilancio.

Solo nella capitale la sanatoria pare interessi ben 2,7 milioni di verbali contestati, ovvero tra i 400 e i 600 mila romani. Tale misura può altresì giovare al lavoro di molti Uffici del Giudice di Pace che svolgono, tra le loro attività, quella dei giudizi conseguenti alle opposizioni alle sanzioni amministrative, con la scelta da parte del destinatario del verbale di infrazione di pagare il minimo della sanzione pecuniaria, anziché instaurare o continuare il giudizio civile, con conseguenti lungaggini e costi
.


Valeria Palombo

Bookmark and Share



 

MULTIMEDIA
Lo stalking
Video
Rifugiati o clandestini?
Video
Ci siamo
Video
>> Vai all'archivio MULTIMEDIA


TESTI NORMATIVI
Costituzione della Repubblica Italiana
Codice Civile online
Testo Unico sulla sicurazza nel lavoro
Normativa sulla tutela dei consumatori
Testo Unico sull'immigrazione


Home  |  Chi siamo  |  Contatti  |  Link utili  |  Multimedia  |  Feed RSS

Mappa del sito  |  Informazioni
Ideazione e realizzazione grafica del sito GRAPHIX76